Ultima modifica: 27 Gennaio 2016

Premessa al PTOF 2016/2019

VISTO il DPR 275 del 08/03/99 che norma la stesura del Piano dell’Offerta Formativa delle Istituzioni scolastiche, in particolare il Piano:

  • è il documento fondamentale costitutivo dell’identità culturale e progettuale dell’Istituto;
  • esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa;
  • è coerente con gli obiettivi generali ed educativi dei diversi tipi e indirizzi di studi determinati a livello nazionale;
  • riflette le esigenze del contesto culturale, sociale ed economico della realtà locale;
  • comprende e riconosce le diverse opzioni metodologiche, anche di gruppi minoritari;
  • è elaborato dal collegio dei docenti sulla base degli indirizzi generali per le attività della scuola della Coordinatrice delle attività didattiche e delle scelte generali di gestione e di amministrazione della Congregazione;
  • è adottato dal Consiglio di Istituto.

VISTA la legge 107 del 13/07/15, in particolare il Piano

  • ha validità triennale;
  • può essere rivisto annualmente entro il mese di ottobre.

VISTO l’Atto di Indirizzo della Coordinatrice delle attività didattiche, in data 22/12/2015, in particolare il Piano deve avere
le seguenti priorità e traguardi del triennio:

  • miglioramento degli studenti nelle competenze chiave e di cittadinanza;
  • miglioramento (complessivo del 10% degli studenti) dei risultati nelle prove nazionali;
  • i seguenti obiettivi di processo del prossimo anno scolastico:
  • elaborazione di un curricolo verticale per competenze;
  • elaborazione di strumenti di controllo rispetto agli obiettivi del curricolo;
  • avvio procedura di monitoraggio del successo formativo degli studenti in uscita sia dalla scuola Primaria che dalla Secondaria di Primo Grado.

Il Collegio dei Docenti:

  1. Elabora collegialmente il presente documento, Piano Triennale dell’Offerta formativa (PTOF).
  2. Sottolinea l’importanza del PTOF come strumento di progettazione educativa in quanto proprio per la scelta di una elaborazione collegiale, e non ristretta ad un gruppo di lavoro, la sua stesura, ed ogni sua revisione, costituisce occasione di confronto e integrazione di tutti i docenti di tutti gli ordini presenti nell’Istituto (dalla Scuola dell’Infanzia alla scuola Secondaria di Primo Grado), alla luce dell’obiettivo principale che lo caratterizza: l’educazione integrale della persona.
  3. Ribadisce il carattere “in fieri” del PTOF poiché in esso confluisce ogni processo di autoformazione del Collegio dei Docenti come il progetto, attualmente in corso, dell’elaborazione del curricolo trasversale per competenze, attraverso l’individuazione dei traguardi di competenza nei diversi anni, e di strumenti di valutazione.



Mack Hollins Authentic Jersey